La didattica per competenze e le rubriche di valutazione

"Perché, ancora una volta, una riflessione sulla didattica per competenze?
Come ammoniva già Perrenoud (2003) “se si cambiano solo i programmi che figurano nei documenti, senza scalfire quelli che sono nelle teste, l’approccio per competenze non ha nessun futuro”.
È fuor di dubbio che  il concetto di competenza costituisce la chiave di volta di una proposta formativa innovativa e, al tempo stesso, una profonda sfida professionale  in rapporto alla costruzione di un curricolo di scuola.
L’irrompere del tema della competenza nella scuola italiana cambia radicalmente l’idea di apprendimento alla base dell’elaborazione di un curricolo scolastico, poiché veicola un modo di pensare l’apprendimento profondamente diverso dalla tradizionale rappresentazione prevalente nella scuola.
La didattica delle competenze si fonda sul presupposto che gli studenti apprendono meglio quando costruiscono il loro sapere in modo attivo attraverso situazioni di apprendimento fondate sull’esperienza. Aiutando gli studenti a scoprire e perseguire interessi, si può elevare al massimo il loro grado di coinvolgimento, la loro produttività, i loro talenti.
Lavorare per competenze significa, quindi,  favorire la maturazione negli studenti della consapevolezza dei propri talenti, di un rapporto positivo con la realtà sostenuto da curiosità e volontà, in grado di riconoscere le criticità e le opportunità che gli si presentano, capaci di assumere responsabilità autonome nella prospettiva del servizio inteso come contributo al bene comune e consapevoli di partecipare ad un processo comune di crescita interculturale."
Le rubriche di valutazione sono potenti strumenti per attuare l'innovazione. Il corso, dedicato particolarmente ai docenti della scuola secondaria di secondo grado, ha obiettivi teorici e costruttivi. Nei file allegati di seguito, modalità di iscrizioni e costi.

 

Informazioni aggiuntive